Piccoli prestiti Credem: finanziamenti, migliori offerte, come accedervi

Credem, fondata nel 1910, è una delle realtà bancarie più note in Italia. Il gruppo è sorto su iniziativa di alcuni imprenditori reggiani con la denominazione di Banca Agricola Commerciale di Reggio Emilia. Attualmente la banca si chiama Credito Emiliano Spa, Credem in breve.

Sono 19 le regioni italiane ad ospitare le filiali di Credem. Alla base del successo della banca c’è lo sviluppo tecnologico, nonché la necessità di soddisfare le esigenze di tutti i clienti. Gli impiegati lavorano, infatti, soprattutto nella fase di ascolto dei richiedenti dei prestiti. Si prova ad accontentare il pubblico, garantendo sempre trasparenza e chiarezza. Numerosi pure i servizi personalizzati offerti alla clientela: sia privati che imprese. La banca si avvale non solo dei classici sportelli ma anche delle soluzioni online.

I piccoli prestiti Credem per le spese quotidiane

I piccoli prestiti Credem permettono ai beneficiari del finanziamento di realizzare i progetti e di pianificare le spese quotidiane. L’importo erogato consente, dunque, di portare a termine i propri desideri. L’importo minimo del prestito è pari a 3.000 euro fino ad un massimo di 75.000 euro. La durata del finanziamento è compresa tra 24 e 120 mesi: il rimborso delle rate avverrà automaticamente sul conto corrente. Con Credem inoltre i consulenti troveranno la soluzione di prestito giusta per te. Che sia una macchina o un elettrodomestico, si provvederà in ogni modo a soddisfare le richieste.

Con Credem inoltre c’è la possibilità di fare richiesta di prestito direttamente sul sito internet della banca. Se hai già l’Internet Banking e la carta di credito Ego Classic puoi richiedere un piccolo prestito online senza venire in filiale. Riceverai la somma richiesta in poco tempo direttamente sul tuo conto corrente. Comodo vero? Ma la comodità non è l’unica caratteristica di questi piccoli prestiti. Uno degli aspetti da non trascurare è quello della flessibilità: il cliente può richiedere l’importo che preferisce in base al massimale della sua carta Ego e rimborsarlo dal mese successivo in comode rate. Ogni mese, le rate rimborsate andranno a ricostituire il massimale della carta, che sarà subito utilizzabile per altre spese.

Piccoli prestiti Credem e rimborso: cosa sapere

Ma come rimborsare le rate del prestito? Niente paura, ragazzi. Puoi scegliere liberamente di rimborsare il prestito attivato online in comode rate da 12, 36 o 48 mesi che verranno addebitate direttamente sul tuo conto corrente. Parliamo di un TAN 11,25% | TAEG 11,85%.

Il piccolo prestito online può essere attivato già a partire da 250 euro. Si tratta di una sorta di mini finanziamento utile per gestire  le piccole spese quotidiane con più tranquillità, fino ad un massimo di 5.000€ in base al massimale disponibile della tua carta di credito Ego.

Per attivarlo, dobbiamo visitare il sito Credem e cliccare sul pulsante per entrare nella sezione  “I miei acquisti” del nostro Internet Banking, selezionare la voce “Contante con carta Ego” e procedere con l’attivazione. Immaginiamo di voler richiedere un prestito di 1.500 euro dalla durata di 12 mesi. Il Tan (tasso di interesse nominale annuo fisso) sarà pari all’11,25 per cento. Il Taeg all’11,85 per cento. Il costo totale del credito sarà equivalente a 92,56 euro (imposte e altre spese esenti). L’importo della rata mensile da rimborsare sarà per 11 rate di 132,75 euro e per una rata soltanto è previsto il costo di 132,34 euro euro. Il consumatore, in totale, dovrà sborsare un totale di 1.592,56 euro.

Con il passare degli anni Credem Banca resta un punto di riferimento importante su tutto il territorio nazionale su cui sono distribuite oltre 600 filiali. Si tratta di una realtà finanziaria dedicata alle famiglie e alle piccole imprese a cui offre prodotti innovativi, strumenti informativi chiari e consulenza professionale. A dare man forte ci pensano gli 800 consulenti finanziari che offrono una consulenza evoluta, seguendo il cliente in tutte le fasi di analisi, pianificazione finanziaria e gestione dell’intero patrimonio.