Piccoli prestiti Banco di Sardegna: finanziamenti, migliori offerte, come accedervi

Il Banco di Sardegna S.p.A., fondato nel 1944, è una società per azioni. Si presenta su tutto il territorio nazionale con 350 sportelli, di cui soltanto 339 nell’isola sarda. Gli altri 11 sportelli sono dislocati nel resto d’Italia. Il Banco di Sardegna rientra nel Gruppo Bper che è una delle realtà bancarie più importanti nel nostro Paese per i suoi 1.150 sportelli.

Nel 2000 la società per azioni, sorta in Sardegna, ha avuto una grossa trasformazione sul fronte della proprietà. La Bper Banca, in poco tempo, è diventato l’azionista di maggioranza. Ciò, però, non ha intaccato la politica interna del Banco di Sardegna che è  e resta un punto di riferimento per l’intera Regione.

I piccoli prestiti del Banco di Sardegna rappresentano la soluzione finanziaria ideale per accontentare i privati che necessitano di mini importi per realizzare i propri progetti. Le soluzioni di finanziamento si rivolgono, però, non solo ai privati ma anche alle aziende e ai liberi professionisti. Il Banco di Sardegna per i prestiti personali si avvale della linea “Finamico” che vanta tassi di interesse vantaggiosi. Chi richiede un finanziamento, può restituirlo comodamente e a condizioni favorevoli.

Piccoli prestiti Banco di Sardegna: le soluzioni

Nel ricco ventaglio di proposte ci sono diversi piccoli prestiti che possono interessare i clienti. Scopriamoli uno ad uno.

  • Il prestito leggero: è possibile richiedere un importo compreso tra i 3.000 e i 30.000 euro. La durata del finanziamento è compresa tra i 36 e i 72 mesi. Il tasso d’interesse è fisso. Si tratta di una soluzione finanziaria vantaggiosa perché ti consente di avere una rata più leggera per i primi 12 mesi.
  • Il prestito mini: questo finanziamento offre l’opportunità di richiedere un importo compreso tra i 1.000 e i 3.000 euro. La durata del prestito è tra i 12 e i 26 mesi. Il tasso d’interesse è fisso. Tra i vantaggi di questa soluzione finanziaria c’è sicuramente l’assenza di spese di istruttoria e di bolli.
  • Prestito a tasso variabile: questo prestito consente di ottenere un importo che parte da 3.000 euro fino a 30.000 euro. La durata del finanziamento varia e può essere compresa tra i 12 e i 120 mesi, a seconda delle esigenze del richiedente. Il tasso, così come già specificato dal nome del prestito, è variabile. Tra i vantaggi c’è l’opzione Salto rata. E’ possibile, infatti, trarre dei benefici dalle oscillazioni di mercato se puoi supportare un aumento della rata in caso di risalita del parametro di riferimento.
  • Prestito a tasso fisso: con questo finanziamento puoi ottenere da un minimo di 3.000 euro ad un massimo di 30.000 euro. La durata del piano di ammortamento è compresa tra i 12 e i 120 mesi. Il tasso è fisso. I vantaggi di questa soluzione finanziaria? Semplice: il beneficiario del credito potrà vantare una maggiore flessibilità grazie all’opzione salto rata o cambio rata.

Banco di Sardegna e Cessione del quinto

Un’altra forma di prestito, concessa dal Banco di Sardegna, è poi quella con cessione del quinto. Parliamo di un finanziamento di natura personale che prevede il rimborso con cessione di quote dello stipendio o della pensione. Le rate mensili, di importo massimo pari ad un quinto dello stipendio o della pensione, vengono versate alla banca direttamente dal datore di lavoro o dall’Ente pensionistico. In che modo? L’addebito avviene mediante una trattenuta fissa mensile sulla busta paga o sulla pensione del cliente richiedente. Il prestito con Cessione del Quinto è riservato ai lavoratori dipendenti statali, pubblici, parapubblici e privati assunti a tempo indeterminato e ai pensionati.

Possono accedervi anche coloro che hanno altri finanziamenti in corso, ma dimostrano capacità di rimborso delle rate. Naturalmente toccherà poi al Banco di Sardegna effettuare le dovute verifiche. Tra i possibili richiedenti pure coloro che vogliono estinguere altri finanziamenti in corso con un solo prestito e un’unica rata mensile.