Piccoli prestiti tassi migliori: le migliori offerte ai tassi di interesse più convenienti

piccoli tassi di interesse

Indice dei contenuti

Molto spesso capita di avere bisogno di una piccola somma di denaro, per far fronte a vari tipi di spese. Le banche concedono ai propri clienti dei prestiti personali, per aiutarli a superare periodi difficili economicamente. Le offerte quindi sono molte, in quanto ogni banca ha vari prodotti finanziari da offrire ai propri clienti – al fine di soddisfare tutte le loro esigenze. Ma allora come scegliere tra le varie opzioni?

Una delle prime cose da notare sono i tassi di interesse, ossia il costo effettivo che il prestito avrà per noi. Conoscere questo valore ci aiuta a scegliere il miglior prestito per le nostre tasche, che non ci costi una fortuna – spesso le banche si approfittano di alcuni momenti di difficoltà!

Che cosa sono gli interessi?

Se vogliamo sottoscrivere un prestito con tassi di interesse bassi per prima cosa dobbiamo sapere cosa sono i tassi di interesse. Così possiamo capire cosa stiamo pagando, e dove guardare per scoprire il valore di tali costi.

  • Il TAN è il Tasso Annuo Nominale. Rappresenta il costo che prevede la banca per il prestito, ossia quanto effettivamente la finanziaria percepisce dall’operazione. Si tratta quindi del costo vero e proprio del prestito. Viene calcolato annualmente, quindi se il finanziamento dura per diversi anni dovremo tenerne conto. Se vogliamo un TAN conveniente non deve essere superiore al 10 %.
  • Il TAEG invece è un tasso di interesse indicativo. Ci indica i costi totali del finanziamento. Comprende quindi il TAN (ossia la parcella presa dalla banca) e tutte le altre spese del prestito. Tra queste rientrano per esempio i costi di istruttoria, di registrazione del contratto, e così via. Quindi è ovvio che il TAEG è più alto del TAN, in quanto comprende lo stesso più altre spese previste – a carico del richiedente.

Occhio al TAEG

Quando dobbiamo sottoscrivere un prestito una delle prime cose che guardiamo sono appunto i tassi di interesse. Abbiamo già visto di cosa si tratta nel capitolo precedente. Tuttavia ora dobbiamo approfondire il discorso. Ci sono prestiti per esempio che sono definiti a tasso zero. Promettono quindi di non costarci un euro. In questi casi è il TAN a essere azzerato, ma non il TAEG.

Anche nei prestiti a tasso zero il TAEG può essere elevato. Questo perché sono previste delle spese accessorie, anche se non degli interessi veri e propri. Per cui è sempre bene guardare al TAEG piuttosto che al TAN. Se quello è basso allora il prestito sarà davvero poco costoso. Non facciamoci quindi ingannare da pubblicità e promesse false!

Sarà quindi il valore complessivo del TAEG a indicarci se un finanziamento è costoso o conveniente. Badiamo bene anche al conto corrente: molte banche pretendono che il sottoscrivente del prestito apra un conto presso una loro filiale. Questa operazione ha un conto, come l’imposta di bollo per esempio. Quindi il prestito in sé potrebbe non essere costoso, ma l’apertura del conto sì!

Consigli utili

Per ottenere un prestito conveniente e con tassi di interesse molto bassi dobbiamo guardare a vari fattori. Una delle prime regole è quella di confrontare le diverse offerte disponibili, anche sfruttando strumenti online di comparazione delle offerte. Inoltre per trovare il prestito più conveniente dovremo:

  • assicurarci che l’operatore di mercato a cui ci rivolgiamo sia iscritto nel registro dei mediatori creditizi. Si può consultare l’elenco sul sito di banca d’Italia;
  • richiedere il modulo europeo di informazioni di base sul credito ai consumatori – chiamato IEBCC o EBIC o SECCI;
  • confrontare i tassi medi al fine di evitare che venga applicato su un prestito un tasso di interesse eccessivo – ritenuto usuraio da Banca d’Italia;
  • ottenere una copia del contratto di prestito, prima di firmarlo. Così possiamo studiarcelo, o magari farlo leggere a qualcuno che ne sappia più di noi.
  • conoscere da subito la parcella del mediatore o consulente – se presente. Il suo compenso deve essere comunicato in precedenza al cliente, che decide se accettare o meno. In ogni caso deve risultare scritto;
  • evitare di cadere in truffe. Non crediamo agli operatori che chiedono denaro in anticipo (prima cioè dell’erogazione del prestito). Questo perché a volte il denaro rimane al consulente, anche in caso di rifiuto della domanda del prestito. Sapendo questo moltissimi consulenti procedono comunque con la richiesta del prestito, pur essendo consapevoli che non abbiamo possibilità di accettazione della domanda. Questo per intascare la parcella, e darci l’illusione che sia lecito.

Se la banca o la finanziaria ci obbliga a sottoscrivere un’assicurazione per ottenere il prestito possiamo scegliere noi quale comprare. Se la banca ci vuole vendere per forza la sua possiamo segnalare l’illecito all’Antitrust.

Le migliori offerte: a chi rivolgersi?

Passiamo quindi ora alle migliori offerte proposte da banche e finanziarie, ovvero i prestiti con i minori tassi di interesse del mercato. Quali sono nel dettaglio?

  • La Findomestic è una finanziaria leader nel settore. Offre molti servizi anche online, e quindi con costi minori e tempistiche decisamente più brevi. I tassi di interesse previsti per diversi tipi di prestito sono molto bassi. I prestiti personali per esempio hanno costi concorrenziali. Segnaliamo poi i prestiti auto, ossia dei finanziamenti finalizzati per l’acquisto di una vettura. Può essere nuova o usata, venduta da una concessionaria o da un privato. Per tale finanziamento il TAEG previsto è del 6,36 %.
  • Anche la Younited sta prendendo piede ultimamente. Si staglia sul mercato come azienda finanziaria attenta alle esigenze del cliente, persino quelli più giovani. Ha un sito facile da consultare, anche per richiedere servizi. Tra le migliori proposte troviamo il prestito Ristrutturazione Casa. Con questo possiamo apportare miglioramenti alla nostra abitazione, senza spendere una fortuna. Infatti il TAEG supera appena il 6 %.
  • La Agos – sul mercato da decenni – è tra le migliori finanziarie a cui rivolgersi per un prestito personale. Si ottiene liquidità, e i tassi di interesse non sono mai eccessivi. Infatti in un prestito liquidità il TAEG è del 6,45 % mentre il TAN è di appena il 5,77 %.

Se dobbiamo usare il denaro ottenuto per una spesa precisa possiamo richiedere un finanziamento finalizzato. Di solito hanno interessi e costi generali minori – tranne quelli per viaggi e vacanze.